Appuntamenti

.

martedì 26 gennaio 2010

La canzone del Maggio

video

Anche se vi credete assolti...siete lo stesso coinvolti!

domenica 24 gennaio 2010

Confapi: "Non chiudete il Poli"

IL GIORNALE (Piemonte)
19/01/2010

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZ'INVERNO

https://www.swas.polito.it/services/Rassegna_Stampa/articolo.asp?id=29763.pdf


Per problemi tecnici non siamo riusciti a caricare l'immagine della pagina della stampa a cui fa riferimento il ink sopra e l'articolo da noi scritto sotto.
Il titolo comunque è:

"da boston a londra sei grandi saggi per il futuro del poli"


Progetto interessante chiamare a consiglio i "saggi" del mondo.
L'internazionalizzazione del Politecnico prosegue. I posteri potranno dire se effettivamente la strada è quella giusta. I viventi sono dubbiosi.
Si corre dietro all'Europa e al mondo lasciando alle spalle il territorio: l'impressione è quella che dai piani alti del Poli si guardi con occhi sognanti alle classifiche internazionali nella speranza di ottenere i fondi che il Nostro Paese sta tagliando con sempre più veemenza all'università e alla ricerca...Un sogno fatto in una notte di mezzo inverno, che poco ha a che fare con la shakespeariana commedia. L'inverno non è solo la stagione in cui sta accadendo tutto questo ma è il tempo in cui si trova l'università in Italia.
Quello che sta accadendo al Politecnico è l'esempio di come vadano le cose. Si è sviluppato nell'arco di vent'anni un progetto di decentramento che, nel momento in cui doveva essere aggiornato e potenziato, viene ora smantellato lasciando palliativi come la teledidattica o gli FTS. Soldi ed energie spese praticamente buttati. Il territorio anche in questo caso abbandonato a se stesso in contrapposizione alla metropoli e al torinocentrismo...Si guarda all'Europa e al mondo e poi non ci si sa rapportare con il proprio interno così che Docenti e Studenti apprendono dai quotidiani il loro futuro: Prima la riforma interna...poi il MiTo...ora il "collegio dei Druidi internazionali". Tutto questo sognando le classifiche, sognando fondi, sognando progetti e dimenticando le persone che al Poli lavorano e studiano. La matematica sta diventando l'unico metro di gestione dell'Università. Ma la formazione è l'unico vero investimento e la cultura può permettere ai giovani di essere persone migliori, anche senza eccellere nelle classifiche, solamente acquisendo conoscenze, che però non portano denari.
Pecunia regina mundi
Pecunia impetrat omnia
Da Polinonsitocca

sabato 23 gennaio 2010

Il transitorio è garantito da una delibera del senato

Voci sempre più insistenti, di corridoio ma anche di poltrone illustri, sembrano mettere in discussione il transitorio. Le voci dicono che è insostenibile da parte delle facoltà e difficile da gestire...sono solo voci...ma erano solo voci anche quelle che, un anno fa, dicevano che avremmo chiuso i battenti a Mondovì. Saranno le stesse?
Chi ha iniziato il proprio percorso universitario con un certo piano di studi e in una certa sede è giusto che finisca dove ha iniziato e con le stesse condizioni.
Il transitorio è un diritto per gli studenti. Deve essere garantito in tutte le sedi.
Questo è un avviso. Non abbassiamo la guardia, abbiamo ancora delle cose per cui combattere e i nostri diritti devono essere salvaguardati. Inoltre è garantito da una delibera del Senato Accademico. Se il Senato decidesse di rimangiarsi questo allora CI ARRABBIEREMO SUL SERIO!!!
Si parla anche di esami blocco al primo anno (per chi inizierà) e soglie di accesso alla laurea specialistica.
Raduniamoci e parliamone, è il futuro di NOI STUDENTI e lo stanno decidendo LORO.
Un'assemblea non deve essere per forza organizzata, troviamoci anche per strada e parliamone, interessiamoci del nostro futuro.
DA polinonsitocca

giovedì 21 gennaio 2010

Anteprima della pubblicità per invogliare gli studenti Torinesi a trasferirsi a Milano!

In esclusiva, direttamente da youtube, un'anteprima della pubblicità del nuovo PoliMITO!

http://www.youtube.com/watch?v=egmeqKzmP9c&NR=1.